ZIMMERWALD 2014: La sinistra russa, ucraina e bielorussa si incontra

Articolo scritto per East Journal.

Il 7 e l’8 giugno si sono incontrati a Minsk attivisti della sinistra ucraina, russa e bielorussa per discutere sull’attuale crisi ucraina e elaborare una dichiarazione congiunta che avesse al centro la richiesta di una soluzione pacifica al conflitto. L’evento è stato ribattezzato, con un certo grado di ambizione, “Zimmerwald 2014: Fermare la guerra in Ucraina!”; il riferimento è alla Conferenza di Zimmerwald del 1914, in cui i partiti socialisti di tutta Europa si incontrarono per trovare una posizione comune sulla prima guerra mondiale.

L’incontro si è rivelato una novità perché ha coinvolto esponenti di diversa tradizione politica e origine, che non avevano precedentemente cooperato tra loro, e perché non ha riguardato né il Partito Comunista della Federazione Russa né il Partito Comunista Ucraino. Il primo, come è già stato analizzato, è infatti molto lontano da numerose tematiche di sinistra e ha un legame privilegiato con Putin, di cui condivide sostanzialmente la politica estera. Il secondo presenta caratteristiche molto simili al suo omologo russo, e questo spiega la loro assenza.

Inoltre nei giorni successivi all’incontro si è aperto un modesto ma stimolante dibattito all’interno della sinistra, in Ucraina e nei paesi limitrofi, in cui sono emerse le potenzialità e i limiti di Zimmerwald 2014, coinvolgendo anche gruppi che non avevano partecipato all’appello.

All’incontro erano presenti singoli intellettuali marxisti, membri di riviste di sinistra, attivisti del Movimento Socialista Russo (trotskisti) e membri del gruppo ucraino Borotba. La dichiarazione adottata è reticente su molti punti, ad esempio quando parla della “vittoria dei nazionalisti e dei neoliberali di Euromaidan”, chiudendo quindi frettolosamente la discussione su un movimento complesso e contradditorio, senza ricordare il precedente regime corrotto di Janukovyč, anch’esso “nazionalista” e “neoliberale” (per un resoconto di cos’è stato davvero la protesta di Maidan si veda http://www.eastjournal.net/ucraina-la-rivoluzione-di-maidan-ha-perso-2/44118). Ha però il merito di condannare in egual misura l’ingerenza europea/americana e quella russa, rifiutandole entrambe. E’ un punto inaspettato, se si pensa all’apologia per la politica estera russa che di tanto in tanto riappare a sinistra, in Italia come in Europa orientale.

Quello che appare è che si tratti però di un “fragile compromesso”, dovuto sostanzialmente dalla presenza tra i firmatari di Borotba, un’organizzazione politica ucraina che ha avuto una certa visibilità negli ultimi mesi, dato che i suoi nuclei più attivi erano presenti proprio nelle zone orientali dove oggi sono più forti gli scontri. Borotba è però una organizzazione dogmatica, vicina al Partito Comunista Ucraino, che sostiene attivamente le Repubbliche autonome filorusse di Donetsk e Lugansk (egemonizzate dall’estrema destra) e che ha alle sue spalle varie aggressioni verbali e fisiche contro gli oppositori.

Non è chiaro quindi se l’unità trovata a Minsk riuscirà ad avere una continuità e a portare avanti gli obiettivi dichiarati nell’appello, come la creazione di una Croce Rossa internazionale per aiutare gli attivisti di sinistra ucraini colpiti dalla repressione e gli obiettori al servizio militare.

      L’Opposizione di Sinistra, una organizzazione ucraina della sinistra alternativa che non aveva partecipato all’incontro, ha successivamente dato la sua adesione all’appello, in nome di una necessaria unità per la nascita di un vasto movimento contro la guerra. Ma ha anche messo in luce la principale criticità dell’appello: l’assenza di una posizione di chiara distanza dal separatismo filorusso, che è oggi egemonizzato dall’estrema destra russofona.

“Tra i dirigenti delle autoproclamate “Repubblica Popolare di Donetsk” (RPD) e “Repubblica Popolare di Lugansk” (RPL) vi è la presenza di una notevole quantità di nazionalisti radicali russi e di soggetti apertamente nazisti. Tra le altre cose, nella dirigenza di queste autoproclamate nuove formazioni vediamo molti cittadini della Federazione Russa che fino a poco tempo fa erano membri di organizzazioni neonaziste.” [1]

La sinistra post-sovietica stenta quindi ancora una volta ad abbandonare coerentemente quel riflesso di fratellanza con Mosca a prescindere, anche dove, come nel caso ucraino, la Russia si trovi su posizioni che con la sinistra non hanno nulla a che fare, in cerca semplicemente di riconquistare il ruolo di potenza egemone nella regione.

Allo stesso tempo, però, l’appello ha riaperto una positiva discussione che ha riportato all’ordine del giorno il problema del rapporto con la Russia. Inoltre ha avviato una dialogo e una collaborazione tra gruppi di sinistra di diversi paesi, condizione indispensabile perché le forze di sinistra possa avere un ruolo influente nel conflitto ucraino, oggi egemonizzato dalla destra, tanto tra le milizie a sostegno del governo di Kiev quanto tra i separatisti orientali.

[1] http://crisiglobale.wordpress.com/2014/06/24/focus-ucraina-prove-di-pace-nella-sinistra-post-sovietica-3/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...