CONTINUA LA DISINFORMAZIONE SULLA SIRIA (ANCHE A SINISTRA) – spunti per il dibattito

Ci siamo. Gli Stati Uniti e i loro alleati della Nato hanno riattivato la loro poderosa macchina della propaganda, come sempre avviene prima di una guerra per legittimarla davanti agli occhi della comunità internazionale, e così Assad diventa come Hitler (John Kerry), ritornano le armi chimiche e la necessità di difendere il popolo dal suo governo. Ma in quanto a disinformazione, la sinistra italiana non è da meno e dimostra ancora una volta la sua inadeguatezza nel comprendere eventi di natura internazionale, ritrovandosi frammentata e radicalizzata su tre principali posizioni opposte tra loro:

1. c’è chi si schiera incondizionatamente col “progressista” Assad, nuovo leader della resistenza antimperialista mondiale, e attacca come “servo della Nato” chiunque lo critichi (sono principalmente post-stalinisti nostalgici della divisione del mondo in blocchi, ottima per chi vuole arrivare a prese di posizioni chiare, veloci e da vero radical).

2. c’è chi idealizza i ribelli ed è incapace di vedere le enorme contraddizioni e differenze al loro interno, esaltandoli come un movimento unico, con buona pace dei numerosi compagni siriani prima perseguitati da Assad e ora uccisi dai terroristi islamici sostenuti dalla criminale Arabia Saudita (ma docilissima con l’Occidente e quindi senza condanne internazionali per i crimini che commette ogni giorno contro il suo popolo).

3. infine ci sono gli ultrà delle organizzazioni internazionali, secondo cui la guerra non si può fare perché non c’è il consenso dell’ONU, idealizzando così le Nazione Unite, che vengono presentante come si vorrebbe che fossero e non come sono realmente, lontane dall’essere libere dagli interessi delle potenze imperialiste… (dispiace constatare che in questa categoria rientrino anche certe recenti dichiarazioni di Syriza)

La sinistra italiana, soprattutto quella delle prime due posizioni, sembra quindi restare bloccata nella divisione delle due parti in lotta (o da una parte, o dall’altra) abbandonando totalmente quel metodo dialettico di analisi dei fatti storici a cui invece servirebbe ritornare. Parla degli interessi americani in Siria ma non fa nessuna riflessione sugli altri interessi in campo, senza capire ad esempio l’importanza per il Qatar di una Siria non più legata alla Russia, cosa che gli permetterebbe di creare un canale di transito privilegiato per esportare il suo gas all’estero, a scapito di quello russo (e infatti Putin non ne vuole sapere di abbandonare la Siria). Non a caso il Qatar spenderebbe 3 miliardi di dollari all’anno per sostenere i ribelli siriani.

Nessuna riflessione neanche sulle forze in campo, come se si fosse costretti a scegliere tra Al-Qaeda-NATO o Assad. Quasi nessuno parla, ad esempio, del Coordinamento Nazionale per il Cambio Democratico, un’alleanza di vari movimenti e partiti di sinistra che si oppongo a Assad e agli estremisti religiosi, sostenendo una soluzione pacifica del conflitto e rigettando l’intervento delle forze imperialiste. Uno dei gruppi fondatori è il Partito dell’Unione Democratica (PYD), la principale organizzazione kurda di sinistra in territorio siriano, da sempre in lotta contro il centralismo di Assad. Il PYD ha recentemente creato le Unità di Protezione del Popolo (YPG), gruppi armati con tanto di elezioni al loro interno e aperti ad ogni etnia – non solo quella kurda -. Queste unità, diventate famose (purtroppo non qui in Italia..) per l’alto numero di combattenti donne, non lottano per la presa del potere ma difendono le loro zone tanto dai soprusi dell’esercito regolare siriano quanto dalle milizie islamiche, impegnate negli ultimi mesi in una lotta di pulizia etnica contro il popolo kurdo.

Purtroppo – lo aveva già capito Eschilo di Eleusi duemila anni fa – in guerra la prima vittima è sempre la verità.

NO ALL’INTERVENTO IMPERIALISTA IN SIRIA
FUORI L’ITALIA DALLA NATO
PER UN SOSTEGNO ATTIVO ALLA SINISTRA SIRIANA E PER UNA SOLUZIONE PACIFICA DEL CONFLITTO

Jacopo Custodi

scritto per Kronstadt – periodico pavese

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...